Dolce

Il dolce, come il pane e forse più del pane, rappresenta per tutti noi un nemico per la linea; è vero però che, dal momento in cui nasciamo, subito avvertiamo il bisogno della “dolcezza” del latte e di quella della mamma: infatti il primo ed unico sapore che il bambino sa apprezzare è quello del dolce. Quindi i dolci sono per tutti noi un’occasione di festa e di felicità anche se quando vengono consumati in modo eccessivo predispongono all’obesità e al diabete. Dunque il dolce è contemporaneamente il simbolo della festa ma anche di qualcosa che può recarci danno.

In realtà uno degli elementi di “dannosità” dei dolci consiste nella bassa qualità nutrizionale degli ingredienti, l’altro nella frequenza con cui li mangiamo. Per spiegarci meglio: è chiaro che mangiare dolci di scarsa qualità e perdipiù ogni giorno o più volte al giorno può farci male.
Il vero problema è questo: abbiamo perso il significato del dolce come alimento della “festa” e lo consumiamo tutti i giorni. Dobbiamo quindi tornare ad un consumo intelligente del dolce che ci deve riportare a un momento di festa e di gioia. E’ assolutamente consigliabile riscoprire assieme ai bambini il piacere delle torte fatte in casa per trasmettere loro l’importanza della scelta degli ingredienti, della loro qualità e delle loro caratteristiche. La qualità degli ingredienti dei dolci è infatti altrettanto importante della quantità dei dolci consumati. In particolare sono molto pericolosi i grassi saturi o idrogenati che frequentemente si trovano nei dolci confezionati e nelle merendine! Noi possiamo invece preparare in casa con farine selezionate, burro od olio extra vergine d’oliva degli ottimi prodotti che possiamo rendere preziosi dal punto di vista nutrizionale con ingredienti semplici e naturali quali la frutta, le marmellate, la ricotta, il latte fresco. Se poi i bambini ci aiutano nella preparazione del dolce li rendiamo partecipi di un evento eccezionale e possiamo trasmettere loro le tradizioni della nostra comunità facendo riscoprire il significato del dolce come alimento della festa.

Testo del dott. Pierpaolo Pavan

Advertisements

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...